Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

  1. Coltivazione Outdoor: Guida per Crescere Piante all'Aperto
    Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

    Coltivazione Outdoor: Guida per Crescere Piante all'Aperto

    Nel vasto mondo della coltivazione outdoor, la natura diventa il nostro migliore alleato. In passato, ti abbiamo guidato attraverso le migliori tecniche della coltivazione indoor. Tuttavia, in questo manuale, vogliamo concentrarci sull'arte della coltivazione all'esterno, rivelandoti la chiave per ottenere piante sane e dalle rese produttive. Sfruttando la luce naturale del sole, il vento e i nutrienti presenti nel terreno, le piante coltivate all’aperto crescono in modo più robusto, sano ed efficiente.
    Leggi di piu' »
  2. Flushing cannabis Come Migliorare Aromi e Sapori con il Lavaggio delle Radici
    Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

    Flushing cannabis Come Migliorare Aromi e Sapori con il Lavaggio delle Radici

    Sai cos’è il flushing della cannabis? Il lavaggio delle radici, è una pratica tanto diffusa quanto importante, nella coltivazione indoor e outdoor. Per molti growers, infatti, “flushare la cannabis” è una tecnica indispensabile per ottenere cime incontaminate e dal sapore puro. Ma se da una parte c’è chi è fermamente convinto che sia questo l’unico modo per avere un raccolto abbondante e in salute, c’è anche chi invece lo considera del tutto inutile.
    Leggi di piu' »
  3. Vegetativa cannabis la fase di crescita delle piante
    Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

    Vegetativa cannabis la fase di crescita delle piante

    La fase vegetativa della cannabis, nella coltivazione indoor e outdoor si manifesta come per qualunque altra pianta, è quello stadio del ciclo vitale dove avviene la crescita esplosiva dei semi o delle talee piantate. È da questa fase che dipende lo sviluppo, la fioritura e la resa finale di una pianta. I growers più esperti e scrupolosi sanno bene che commettere il minimo errore durante questo stadio del ciclo di vita può compromettere non soltanto il raccolto ma anche la sopravvivenza della pianta stessa. Sommario della guida:   Che cos’è la fase vegetativa e perché è così importante? Qual è la durata della fase vegetativa indoor e outdoor? In quanto tempo crescono le autofiorenti? Come ottenere buoni risultati dalla vegetativa? Quali aspetti vanno considerati per gestirla al meglio?   In questo articolo cercheremo di rispondere a queste e ad altre domande. Ed ora, andiamo a scoprire tutto quello che c’è da sapere su questa fondamentale fase di crescita della canapa. Leggi anche: “Fioritura cannabis indoor e outdoor”. Quanto dura la fase vegetativa delle piante di cannabis? Abbiamo visto che la fase vegetativa comincia quando alla plantula spuntano le prime piccole foglioline. Ma quanto dura questo stadio? La risposta corretta è: “dipende”. Premesso che la tua pianta abbia tutte le condizioni ottimali per crescere sana e forte in altezza e dimensioni, la fase vegetativa della cannabis può durare dalle 2/5 settimane indoor e fino alle 16/17 settimane se coltivata all’aria aperta. Le tempistiche che ti abbiamo detto sono comunque indicative perchè dipendono  Dal patrimonio genetico della specie; Dall’obiettivo del grower. A seconda delle dimensioni desiderate della pianta coltivata indoor, ogni grower può far vegetare le proprie piante per più o meno tempo. Se il tuo obiettivo è ottenere piante di grandi dimensioni e rese più abbondanti, l’ideale è lasciarle in fase vegetativa il più a lungo possibile, sia indoor che outdoor.  Al contrario, per contenere l’altezza, basta piantare i semi all’aperto a stagione inoltrata, più in prossimità dell’autunno. Lasciandole vegetare indefinitamente indoor, senza forzare la fioritura, comunque, avrai la possibilità di produrre talee e cloni dalla “pianta madre”. Riguardo il patrimonio genetico, le specie più lente a crescere sono quelle fotoperiodiche. La fase vegetativa delle specie femminizzate dipende infatti dai cicli di luce/buio, soprattutto se coltivate indoor. In questo caso avranno bisogno di almeno 18-24 ore di luce. Più saranno esposte alla luce e più veloce sarà la loro crescita, anche 3-5 settimane. Per le piante fotoperiodiche la fase vegetativa si conclude quando diminuiscono le ore di luce. All’aperto ciò accade quando si passa dalla fine dell'estate all’autunno, mentre in spazi di coltivazione interni, avviene quando il ciclo di illuminazione artificiale viene accorciato a 12 ore di luce e 12 ore di buio. Le più veloci in assoluto, invece, sono quelle che si sviluppano a partire dai semi autofiorenti. Ma qual è la durata della fase vegetativa delle specie autofiorenti? Scoprilo leggendo il prossimo paragrafo. Fase vegetativa piante autofiorenti: qual è la durata Quando inizia la fase vegetativa autofiorenti? All’incirca a partire dalla quarta settimana dal momento in cui è avvenuto il posizionamento del seme nel substrato, la germinazione ed è spuntata la plantula. Grazie alla loro discendenza genetica Cannabis ruderalis, le autofiorenti,vegetano rapidamente. Se desideri coltivarle outdoor, per esempio, dovresti cominciarle a piantare nei due mesi in cui le ore di sole sono di più. La fase vegetativa delle autofiorenti indoor, invece, dura all’incirca 2/4 settimane, tra la quarta e la quinta settimana del loro ciclo vitale inizia la fioritura. Alcune specie possono essere più lente altre, invece, più precoci.  In una coltivazione interna le piante non dipendono dai cambiamenti stagionali, perciò tutto il loro ciclo vegetativo può essere facilmente controllato dal grower sottoponendole anche a cicli di 18-20 ore di luce. Questo perché le autofiorenti non sono varietà fotoperiodiche e, dunque, il loro “orologio vegetativo” può essere manipolato dall’uomo non appena nascono.
    Leggi di piu' »
  4. piana marijuana
    Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

    Pianta di marijuana, Tecniche e Suggerimenti per la cura e Rigenerazione

    La cura per la rigenerazione di una pianta di marijuana è come un tocco magico della natura, una tecnica botanica finalizzata a far rivivere il suo ciclo vegetativo. Si tratta di un’opportunità straordinaria di recuperare preziose parti vegetali della pianta per ottenere un secondo raccolto. La cannabis, solitamente è una pianta a fioritura stagionale, limitando il suo ciclo vitale a una sola stagione. Una volta raggiunta la maturazione, sembra destinata a morire.
    Leggi di piu' »
  5. Irrigazione cannabis innaffiare le piante senza commettere errori
    Manuali e Guide per Coltivazione Indoor

    Irrigazione cannabis innaffiare le piante senza commettere errori

    Scopo di questa guida è spiegare le corrette pratiche per l’irrigazione di cannabis al fine di evitare squilibri, patologie e quindi di massimizzare la resa. Il primo passo per capire una corretta somministrazione di acqua nelle piante è lo spirito di osservazione, poiché le piante di cannabis danno dei chiari segnali se l’irrigazione è scarsa o troppo abbondante. La somministrazione corretta di acqua è la condizione basilare per il successo di una coltivazione di cannabis sia indoor che outdoor. Essendo le piante di cannabis costituite di circa il 90% di acqua viene da se quanto sia importante la corretta innaffiatura nelle varie fasi di crescita e fioritura.
    Leggi di piu' »
Pagina